Livio – Pilota

“Hai appena disegnato un Mandala sulla paura”, mi disse Maria Cristina. Pensai a una battuta: faccio un lavoro dove la paura deve essere fuori dalla porta. Com’era possibile?

Pensavo che sarei venuto solo a fare un puro lavoro di colore su un foglio, fine a se stesso. Ignoravo quasi tutto della tecnica Mandala, e Maria Cristina era una persona per me nuova. Un salto nel vuoto. Maria Cristina fu esaustiva. La paura, sì, ma di che cosa? E ho speso anche 27 Euro… e soprattutto, dove poteva farmi crescere? Ascoltai l’interpretazione in silenzio, era come se fossi stato ferito perché Maria Cristina mi aveva detto qualcosa d’inaspettato, ma allo stesso tempo mi sentivo profondamente rispettato e dentro di me sapevo che era vero.

Avevo investito del tempo in un qualcosa che parlava di me, e Maria Cristina mi aveva appena restituito un valore che gli era pari. Era già un gran risultato ammettere di AVER paura Qualche mese dopo avevo già una consapevolezza diversa del mio rapporto con il mio lavoro, e ogni volta ripensavo a quella sequenza di colori così profonda con gratitudine… e un pizzico d’incredulità! Sì, avevo paura di diventare padre. Ma oggi, guardando gli occhi di mia figlia, “volo” per correre fra le sue piccole braccia. Grazie Maria Cristina e grazie Enrico per avermela fatta conoscere.

Nicoletta – Cameriera

L’ultima volta che avevo preso in mano un Mandala era ai tempi delle elementari, ma la curiosità di provare ad avere una interpretazione è stata molto forte.Maria Cristina, molto professionale,

Leggi Tutto »

Alberto – Chef

Sono sempre stato visto come una persona “tosta” verso i miei dipendenti. Conoscevo un unico metodo di rapportarmi, ma soffrivo molto del fatto che nessuno riuscisse a tenermi testa. Anzi,

Leggi Tutto »

Monia – Medico

Sul retro del foglio con il Mandala appena colorato, Maria Cristina mi chiese di scrivere una parola che lo rappresentasse, ed io in automatico buttai giù “aiuto”. Parola che per

Leggi Tutto »